“STORYVILLE STORY”

MAURO OTTOLINI & FABRIZIO BOSSO

“STORYVILLE STORY”

con VANESSA TAGLIABUE YORKE

PAOLO BIRRO, GLAUCO BENEDETTI, PAOLO MAPPA

Storyville Story è ispirato a New Orleans e al suo immenso patrimonio culturale, ed in particolare al jazz delle origini. Da diversi anni Mauro Ottolini e Fabrizio Bossopensavano di realizzare qualcosa insieme, e la proposta di Ottolini di compiere un viaggio musicale alla (ri)scoperta di New Orleans è sembrata al trombettista torinese la via giusta. 

Ottolini, il pubblico di Umbria Jazz lo conosce bene perché soprattutto negli ultimi anni è stato spesso presente nei cartelloni del festival e sempre con spettacoli diversi: dai Licaones all' omaggio di Simona Molinari a Ella Fitzgerald, dal grande evento dedicato a Luigi Tenco e ai cantautori alle colonne sonore dei film muti di Buster Keaton. 

Anche Bosso è assiduo ospite del festival, dove ha presentato in pratica tutte le diverse formule cui ha dato vita negli ultimi anni, dall’ormai classico quartetto alle big band. 

Con Ottolini e Bosso ci sono ​anche Vanessa Tagliabue Yorke, Paolo Birro, Glauco Benedetti, Paolo Mappa. 

Perché “Storyville Story”? Storyville era il quartiere più "hot" di New Orleans, in cui si concentravano locali notturni, caffe', bische e bordelli. Il jazz dei grandi trombettisti o dei pianisti stride era la sua colonna sonora. Su questo concentrato di eccessi, dove l'America puritana letteralmente spariva, fiorirono ovviamente le leggende. La musica, leggendaria lo era davvero, tra grandi solisti, imponenti cantanti di blues, orchestre di vaudeville, marching band, compositori come William Christopher Handy che scrissero temi che poi tutti avrebbero suonato. Come St. Louis Blues, per esempio. 

Storyville Story è la rievocazione in musica di questa epopea, che ad un certo punto fini' perché Storyville fu chiusa e completamente ristrutturata, ed anche il jazz, ed i suoi musicisti, emigrarono verso le città del nord. La leggenda, però, continua, e questo spettacolo, attraverso quei brani trascritti e arrangiati da Ottolini, si ripropone di farla rivivere.